Migliori umidificatori a ultrasuoni del 2020: Taotronics, Philips, Levoit, Yissvic e Proscenic
We use cookies to improve your online experience. By continuing browsing this website, we assume you agree our use of cookies.
By KDL | 15 December 2020 | 0 Comments

Migliori umidificatori a ultrasuoni del 2020: Taotronics, Philips, Levoit, Yissvic e Proscenic

Proscenic Official Store
P11
$ 239.00
850T
$ 258.00
A8
$ 90.30
808C
$ 99.00

La vostra casa possiede un’atmosfera secca e faticate a respirare quando vi trovate al suo interno?
Si tratta di una problematica estremamente diffusa ai nostri giorni, causata dalla secchezza dell’aria domestica provocata, a sua volta, da un eccessivo utilizzo dei sistemi di riscaldamento.
Fortunatamente, il progresso tecnologico ha messo a nostra disposizione degli elettrodomestici compatti ma, allo stesso tempo, estremamente efficienti: gli umidificatori a ultrasuoni.
Questo articolo vi aiuterà a trovare non solo il dispositivo perfetto per le vostre esigenze, ma anche il miglior umidificatore a ultrasuoni del 2020. Pertanto, se volete essere al passo con le ultime uscite, non vi resta che continuare la lettura.  


 
CONTENUTI

1. Che cos’è un umidificatore a ultrasuoni?


 
Si tratta di un elettrodomestico che consente di emettere umidità nella stanza nel quale viene collocato.
Possiede un serbatoio per l’acqua, che viene nebulizzata per essere poi “sparata” nell’aria, andando a rinfrescare l’atmosfera della casa.
Il suo funzionamento è estremamente semplice ma, allo stesso tempo, straordinariamente efficiente. La parte principale è costituita dal serbatoio, che va riempito con dell’acqua.
Una volta azionato l’elettrodomestico, il liquido viene “scosso” da degli ultrasuoni (che, per l’appunto, danno il nome all’umidificatore) che creano delle vibrazioni: a questo punto, l’acqua viene convertita in una nebbiolina di vapore freddo che viene emanata nell’aria, andando a compensare la mancanza di umidità.
A seconda del modello, è anche possibile inserire degli intervalli di funzionamento.

2. Cosa tenere in considerazione prima di acquistare un umidificatore a ultrasuoni

2.1. Umidificatori a caldo o a freddo: quale scegliere?

Si tratta essenzialmente di due tipologie che sono agli antipodi, con delle caratteristiche molto diverse tra loro.
Gli umidificatori a caldo funzionano con acqua che viene riscaldata fino all’ebollizione, e quindi emanata nell’aria. Si tratta di modelli piuttosto rumorosi e soggetti alla formazione di calcare; pertanto, richiedono una manutenzione abbastanza frequente. Sono piuttosto economici, con prezzi che oscillano tra i 25 e gli 80€.
Gli umidificatori a freddo invece, ossia quelli a ultrasuoni, possiedono la tecnologia più avanzata, pertanto hanno dei costi che possono arrivare anche a 130€. Come introdotto già nel paragrafo precedente, si tratta di modelli molto più silenziosi di quelli a vapore caldo, permettono una migliore regolazione del flusso di vapore e consumano meno energia.
Di conseguenza, se avete a vostra disposizione un budget piuttosto limitato, meglio optare per gli umidificatori a caldo; se invece cercate i modelli più prestanti, allora gli umidificatori a freddo sono ciò che fa per voi.

2.2. Facilità d'uso e pulizia

La maggior parte dei modelli di umidificatori a ultrasuoni presenti sul mercato possiede un funzionamento estremamente simile, poiché è sufficiente inserire dell’acqua nel serbatoio, azionare il dispositivo e iniziare a beneficiare di un’aria più pulita.
Di conseguenza, la facilità d’uso non dovrebbe rappresentare un parametro difficile da trovare, e lo stesso si può dire del sistema di pulizia.
Anch’esso, infatti, è estremamente semplice e varia solo per pochissimi aspetti da modello a modello, anche se prodotti da brand differenti.
Il serbatoio deve essere svuotato piuttosto frequentemente, pertanto è molto importante che esso sia molto facile da estrarre e che, soprattutto, sia possibile farlo in poco tempo.

2.3. Dimensioni della stanza

Ovviamente, a una stanza più grande corrisponde un umidificatore a ultrasuoni più prestante. Di conseguenza, dovrete effettuare la scelta pensando anche a questo aspetto.
Se possedete una camera da letto enorme, o un salotto che farebbe invidia ai Lord Inglesi, dovrete misurarne l’area per non ritrovarvi brutte sorprese.
Se scegliete un modello troppo poco potente o pensato per ambienti più piccoli, potreste ritrovarvi una stanza umidificata in maniera insufficiente.

2.4. Umidostato

Si tratta di un dispositivo incorporato da vari modelli di umidificatori a ultrasuoni.
Come è facile intuire, esso serve a misurare il livello di umidità della stanza nella quale avete posizionato il dispositivo, e si tratta di un aspetto estremamente importante.
Un livello eccessivo di umidità potrebbe favorire la proliferazione di muffe e funghi, davvero difficili da eliminare.

2.5. Timer

I modelli di umidificatore presenti sul mercato odierno sono quasi tutti dotati di un temporizzatore che consente di impostare un tempo di funzionamento senza dovervi preoccupare di andare a spegnerlo.
Inoltre, se passate gran parte della giornata fuori casa o comunque non avete molto tempo da dedicare al vostro umidificatore, molti modelli consentono di regolare il timer direttamente dal proprio smartphone, tramite la connessione a internet.
I modelli più avanzati, infatti, sono prodotti da aziende che mettono a disposizione delle applicazioni per cellulare, scaricabili gratuitamente e molto facili da utilizzare.

2.6. Rumorosità

Gli umidificatori a ultrasuoni sono la tipologia più silenziosa e possiedono una rumorosità che si aggira intorno ai 30-35 decibel.
Molti di essi consentono anche di impostare una modalità notturna, andando a diminuire ulteriormente tale valore. Se scegliete di posizionare l’umidificatore nel soggiorno o in cucina, il fattore rumorosità diventa irrilevante.
Se invece pensate di collocarlo nello studio o nelle camere da letto, allora la scelta dovrà vertere anche su questo aspetto.

3. I migliori umidificatori a ultrasuoni

3.1. Taotronics TT-AH001

Questo umidificatore a ultrasuoni possiede un serbatoio della capacità di 4 litri che è anche capace di effettuare un filtraggio dell’acqua: il liquido può infatti essere liberato dai microrganismi, dal calcio e da tutte le impurità che lo popolano, consentendo di immettere un’umidità perfettamente pura e adatta anche ai soggetti più sensibili.
Il serbatoio, a piena capacità, consente di umidificare per 15 ore (ma l’utenza riporta che tale lasso di tempo aumenta se si imposta l’erogazione minima).
Tra le funzionalità speciali troviamo un display LED, che mostra un timer, vari parametri e consente di regolare il livello di emissione della nebbiolina; sulla parte superiore è presente anche un beccuccio rotabile a 360°, in modo da consentire un’erogazione completa su circa 10-30 m2.
Questo modello può essere acquistato ad un prezzo di circa 50€ e, tra gli accessori disponibili sul mercato, troviamo dei filtri di ricambio (da sostituire ogni 4-6 mesi) che sono disponibili anche con altri modelli della stessa marca.

3.1.1. Recensione

Nonostante il design non sia proprio il massimo devo dire che esegue egregiamente il suo dovere, impostando velocemente il giusto grado di umidità nella casa. Facile da riempire e da lavare. È dotato di una funzione sleep che spegne tutte le lucine e lucette accese e mette al minimo la ventola riducendo notevolmente il rumore. chiaramente un leggero ronzio continua a sentirsi, e se qualcuno molto sensibile ai rumori lo volesse tenere acceso di notte in camera da letto potrebbe dare fastidio. io lo consiglio.

3.2. Philips HU4803/01

L’umidificatore Philips possiede un serbatoio, facile da pulire e da estrarre, con una capacità di 2 litri.
L’utente può impostare tre diverse umidità in modo da raggiungere il livello desiderato; è possibile inserire anche un intervallo per il funzionamento, con un timer da 1, 4 e 8 ore anche una modalità Sleep, che riduce ulteriormente il livello di rumorosità.
Questo modello viene proposto a circa 130€ e tra gli accessori sono disponibili due tipologie di filtri di ricambio che però hanno la stessa funzione, ossia di rendere efficiente l’evaporazione dell’acqua.

3.2.1 Recensione

Ottimo! Silenzioso, pratico da caricare e pulire. Da quando l'abbiamo messo in funzione nella camera da letto, alla mattina niente più male alla gola! Anche il mio bimbo respira meglio e non tossisce più di notte. Avevamo già acquistato un umidificatore della Argo, ma riempiva il mobile su cui era appoggiato e il pavimento di polvere bianca! Adesso davvero contenti! Unico neo (se così si può definire) sono le dimensioni...un po' ingombrante!

3.3. Proscenic 808C

Il serbatoio incorporato possiede una capacità di 5, 3 litri che offre un funzionamento di circa 30 ore consecutive su stanze che hanno una superficie fino a 70 m2.
Tale modello può essere utilizzato anche come diffusore di aromi, ma l’aspetto più interessante è la piena compatibilità con gli assistenti vocali Google Home e Amazon Echo.
Il display LED, inoltre, permette di scegliere fra tre diverse modalità di emissione: umidità costante, bambino e automatica.
Non sono disponibili accessori acquistabili separatamente, ma la confezione del prodotto include un telecomando, una spazzola per la pulizia e un filtro di ricambio: il tutto per poco più di 90€.

3.3.1 Recensione

L’ho comprato perché, essendo un cantante, necessito di respirare sempre in un ambiente con aria Non secca! Ha molte impostazioni, è silenzioso, è davvero bello da vedere! Si può anche arrivare tramite telefono! Per ora ho provato ad usare anche la profumazione con gli oli essenziali e funziona davvero bene nel salone di casa mia, che è circa di 25mq! Lo tengo acceso soprattutto di notte, ed è davvero ottimo perché non disturba il sonno, che è tutto dire visto che ho un sonno abbastanza leggero! Mi è arrivata anche una mail dal fornitore su consigli di utilizzo molto utili, è più che altro mi ha fatto piacere l’assistenza con la garanzia. Dura anche molto il ciclo e ho dimenticato di scrivere che c’è un apposito cassettino per inserire le profumazioni. E poiché non è nemmeno ingombrante lo si sposta facilmente, stando bene in ogni stanza per il design molto moderno anche se minimal!

3.4. Yissvic

L’umidificatore Yissvic possiede un serbatoio per l’acqua di 4, 8 litri ed è stato pensato per ambienti che misurano all’incirca 40 m2. La capienza del serbatoio consente al dispositivo di funzionare per 25-60 ore con una potenza massima di 180 mH.
L’utente può impostare 3 diverse modalità di umidificazione, con dei livelli di umidità compresi tra il 45% e il 90%.
Un’introduzione importante è costituita dal filtro, che intrappola tutte le particelle nocive contenute nell’aria per evitare che vadano a mescolarsi con l’acqua; in tal modo, sarà possibile respirare un’aria davvero pura oltre che totalmente priva di odori.
L’azienda Yssvic non ha ideato accessori per questo umidificatore ad ultrasuoni, che viene proposto ad un prezzo di circa 40€.

3.4.1. Recensione

Avevo la casa secca causa riscaldamento. Con questo prodotto ho potuto ottenere una qualità dell’aria migliore in poco tempo. Facile da montare, il vapore esce freddo, acqua nebulizzata, va tutta la notte e si ferma da solo se finisce l’acqua.

3.5. Levoit


 
Si tratta di un umidificatore a ultrasuoni che, però, può anche fungere da diffusore di aromi.
L’utente può impostare tre diverse velocità in modo da trovare quella che soddisfi al meglio le sue esigenze.
La rumorosità si aggira sui 28 decibel, pertanto di tratta di un modello particolarmente adatto alle camere da letto, alla stanza dei bambini ma anche all’ufficio, poiché è possibile riposare o concentrarsi senza alcun tipo di distrazione.
L’articolo garantisce un funzionamento ottimale fino a 20 ore consecutive, arrivando a proteggere l’utenza da malattie respiratorie, allergie e altri tipi di disagi.
Questo umidificatore ad ultrasuoni non possiede accessori da acquistare a parte e viene proposto ad un prezzo di circa 60€.

3.5.1. Recensione

Veramente un bel prodotto. Design semplice ma moderno, facilissimo da usare e davvero silenzioso. Mi piace perché oltre ad essere umidificatore è anche diffusore d'essenze, basta mettere un po' di gocce della propria essenza preferita direttamente nella base e non nella vaschetta dell'acqua(l'acqua passa poi automaticamente nella base quando inserire te la vaschetta preposta al caricamento dell'acqua), il funzionamento è davvero intuitivo, col tasto on/off ovviamente si accende e premendolo più volte potete regolare l'intensità del flusso del micro vapore, sono 3 livelli e ci sono tre LED che si accendono che indicano i rispettivi livelli, esiste poi il pulsante con funzione notte, una funzione automatica che regola autonomamente l'erogazione del vapore.

4. FAQ

4.1. Posso inserire degli oli essenziali in un umidificatore?

Molti umidificatori per ambienti nascono anche come diffusori di aromi, pertanto possiedono un vano per gli oli essenziali, oppure è possibile inserire qualche goccia di questi ultimi direttamente nel serbatoio per l’acqua.
Occorre innanzitutto informarsi se il produttore consente o meno l’utilizzo di oli essenziali: alcuni modelli, se non sono stati concepiti anche per questo tipo di utilizzo, potrebbero danneggiarsi in modo irreparabile.

4.2. È indispensabile pulire il serbatoio dell’umidificatore dopo ogni uso?

In quanto alleati preziosi nella battaglia contro i disturbi respiratori, gli umidificatori a ultrasuoni hanno bisogno di una manutenzione abbastanza ricorrente.
Pertanto, piuttosto che di “pulizia dopo l’uso”, è più corretto parlare di pulizia periodica, che va effettuata almeno una volta a settimana in maniera approfondita.
Inoltre, molti produttori consigliano di svuotare il serbatoio dell’umidificatore ogni due-tre giorni per lavarlo con acqua corrente.

4.3. Qual è la posizione corretta in cui mettere l’umidificatore a ultrasuoni?

È molto importante trovare un punto strategico per l’umidificatore in modo da riuscire a sfruttarlo al meglio.
Se si dispone di una casa piuttosto spaziosa, l’ideale sarebbe trovare un angolino da riservare al prodotto, senza “incastrarlo” tra altri oggetti e, soprattutto, ad una certa distanza dalle persone.
La cosa migliore da fare è quella di collocare l’umidificatore a circa un metro e mezzo di distanza, su una superficie piana e molto solida.
Inoltre, se in casa sono presenti dei bambini o si vuole collocare l’apparecchio nella loro stanza, sarebbe opportuno posizionare l’elettrodomestico su una superficie sopraelevata e, soprattutto, ben salda: i bambini sono infatti molto imprevedibili, e l’ultima cosa che si vuole è un umidificatore rovesciato o, ancora peggio, che il bambino si faccia male.

 
 

5. Conclusioni

Questo articolo vi ha aiutati a fare maggiore chiarezza sugli umidificatori a ultrasuoni: non vi resta quindi che scegliere quello che preferite tra i cinque modelli che vi abbiamo proposto.
Finalmente potrete avere una casa con un’umidità adeguata, che vi consentirà di respirare senza affanno e liberi da tutti i disagi che, sfortunatamente, conoscete bene.

Uno sconto del 10%

Il tuo primo acquisto

Inserisci la tua email qui sotto per iniziare.

COUPON
Recommended for You
P11
$ 239.00
A8
$ 90.30