Il miglior umidificatore Chicco 2020 | QualeScegliere
We use cookies to improve your online experience. By continuing browsing this website, we assume you agree our use of cookies.
By KDL | 28 October 2020 | 0 Comments

Il miglior umidificatore Chicco 2020 | QualeScegliere

Proscenic Official Store
P11
$ 259.00
850T
$ 259.00
A8
$ 149.00
I7
$ 119.00
808C
$ 99.00
T21
$ 129.00
 

1.Umidificatore chicco a cosa serve


Secondo l’Istituto Superiore di Sanità per poter vivere in un ambiente con aria respirabile è necessario che la temperatura di quest’ultima non sia superiore ai 20°C e non inferiore ai 18°C , a seconda della camera, con un livello di umidità dell’aria compreso tra il 40% e il 60%. A questo scopo, qualora si viva in un ambiente con parametri igrometrici generalmente inferiori è consigliabile l’uso di un umidificatore chicco, specie se vi è un bambino piccolo o una donna in stato di gravidanza.

Impiegando questo semplice strumento è possibile, infatti, evitare tutti quei problemi alle vie respiratorie, e non solo, che generalmente si riscontrano in inverno quando si accendono i riscaldamenti. In questi periodi si ha difatti una riduzione del livello di umidità dell’aria dovuto al riscaldamento della stessa andando ad accentuare la fastidiosa sensazione di aria secca che si respira tendenzialmente durante il sonno; tra i conseguenti disturbi causati si annoverano tosse, gola e labbra secche, allergie e irritazioni.




Una pratica che generalmente può essere impiegata e viene impiegata è quella dell’aromaterapia la quale prevede l’aggiunta di aromi ed oli essenziali da aggiungere all’acqua utilizzata per diffondere nell’aria profumi e fragranze potendo beneficiare dei loro effetti. Le più famose ed utilizzate sono quelle all’eucalipto, al pino e alla menta, rendendo l’ambiente più gradevole. Noti sono gli effetti benefici di queste piante antivirali e balsamiche.

Accanto all’aspetto olfattivo offerto dall’aromaterapia è possibile anche affiancare un aspetto visivo. Questo è reso possibile alla cromoterapia che permette di assumere un colore predefinito al vapore in uscita per dare un aspetto rilassante all’ambiente.
 

2.Come scegliere i migliori umidificatori Chicco del 2020?


Esistono sostanzialmente due categorie di questi dispositivi che si differenziano per principio di funzionamento; si hanno dispositivi “a caldo”, apparecchi “a freddo” e ad evaporazione naturale. I nomi richiamano già il loro funzionamento.

Per quanto riguarda i primi, quelli chiamati a caldo, permettono di rilasciare nell’aria il vapore acqueo desiderato tramite ebollizione dell’acqua inserita per via di una resistenza. Quelli definiti “a freddo” adottano una tecnologia più recente dei precedenti e sfruttano gli ultrasuoni per nebulizzare l’acqua e rilasciarla nell’ambiente. L’ultima categoria è quella che impiega il naturale ciclo di evaporazione naturale dell’acqua che storicamente si appendono ai termosifoni.

Verificato l’aspetto igrometrico dell’ambiente e verificato che si necessita una correzione dei valori dell’umidità prima di procedere all’acquisto del prodotto si faranno dei paragoni e si sceglierà l’apparecchio che più si addice alle esigenze del caso.

I fattori da tenere in considerazione in fase di paragone saranno inizialmente la tipologia di dispositivo che si intende acquistare. È consigliabile l’acquisto di uno ad ultrasuoni per evitare che i bambini possano andare in contatto con le pareti calde dell’apparecchio in fase di ebollizione dell’acqua.

Un altro fattore da tenere in considerazione sono le dimensioni e il peso perché se è vero che ne esistono di molto leggeri in commercio è meglio optare per uno che si aggiri ai 2,5 kg perché è un compromesso tra la stabilità e la comodità di spostamento. Questo ragionamento va di pari passo con la quantità d’acqua che è in grado di contenere andando a determinare quella che è l’autonomia del dispositivo. Si rende necessario optare per un umidificatore che abbia un’autonomia di almeno 10h altrimenti rischia di diventare scomodo il rabbocco continuo. Un altro aspetto da considerare è quello relativo alla facilità di pulizia e alla conseguente igiene per evitare la formazione di batteri, muffe e altri agenti patogeni. Nonostante questo sia un problema più comune in quelli a ultrasuoni, dato che quelli a caldo sterilizzano il tutto, è bene prestare attenzione alle pareti fredde che, a contatto con il vapore possono intaccare la salubrità dell’ambiente.

Un aspetto che spesso viene trascurato nonostante la sua importanza è il consumo dell’apparecchio il quale è influenzato da due fattori sostanzialmente: uno è il tipo di nebulizzazione e un altro è il grado di nebulizzazione, il cui valore è espresso in g/h o in ml/h. Per una dimensione di ambiente standard si consiglia un grado di 150-250 g/h.
 

3.Prodotti raccomandati  | Il miglior umidificatore Chicco 2020


Andando nello specifico le scelte degli umidificatori Chicco del 2020 si riducono a 3 soluzioni:
- Humi Essence 5872
- Humi Relax
- Humi Fresh 8032
A detta degli acquirenti il miglior umidificatore tra quelli elencati è il Chicco 5872 Humi Essence che sfrutta l’ebollizione dell’acqua contenuta al suo interno. È in grado di rilasciare vapore caldo e sterile nella camera e data la sua particolare forma trasmette ai più piccoli una sensazione di calma. Utile è anche la vaschetta per inserire le eventuali essenze scelte, è in grado di spegnersi autonomamente all’esaurimento dell’acqua e le dimensioni compatte insieme al prezzo contenuto lo rendono la scelta migliore di acquisto del 2020 nella famiglia Artsana. Unico neo segnalato dalla clientela è la tendenza a trattenere il calcare al suo interno; questo può essere ovviato andando ad inserire acqua distillata invece della solita proveniente dal rubinetto e detergendo l’interno spesso.
 

 
Al secondo posto in classifica degli umidificatori troviamo il Chicco Humi Relax che grazie alla semplice forma cubica è perfettamente integrabile in un ambiente di gioco dei bambini. Il suo ugello ruotabile a 360° è in grado di direzionare l’uscita di vapore adattandosi alle esigenze di erogazione. Un sistema molto utile è quello che al capovolgimento dell’apparecchio, interrompe l’emissione di vapore per evitare incidenti domestici. La lamentela comune dei clienti è la rumorosità che secondo loro è inadatta ad un ambiente notturno e che pertanto intacca il riposo degli infanti.


 
Al terzo posto troviamo il Chicco Humi Fresh 8032 che utilizza una tecnologia ad ultrasuoni in grado di generare vapore freddo. Come esposto precedentemente in questi casi è importante l’igiene e proprio per questo Chicca ha munito questo apparecchio di un segnale acustico che ogni tre giorni ricorderà all’utenza di igienizzarlo. Con la sua autonomia di 8 ore è in grado di funzionare negli ambienti piccoli e a temperatura elevata con un livello di rumore bassissimo. Anche in questo caso si avrà lo spegnimento automatico al termine dei liquidi contenuti. Il difetto che è stato riscontrato è il rumore fastidioso non in fase di lavoro ma in fase di accensione che potrebbe andare ad intaccare il sonno. Per il resto la forma graziosa rotondeggiante e il prezzo contenuto fanno di questo apparecchio una scelta da non escludere.

 

 

4.come pulire umidificatore chicco


La pulizia degli umidificatori che siano di qualunque tipo è di estrema importanza per impedire la diffusione di agenti patogeni e inquinanti e a questo scopo è fondamentale sanificarli periodicamente. Nonostante ci si debba avvalere delle istruzioni fornite si consiglia di procedere come segue.

Assicurarsi innanzitutto che sia scollegato dall’alimentazione elettrica e attendere finché non si siano raffreddati del tutto evitando il contatto non appena finisca il lavoro. A questo punto procedere con la rimozione del filtro e sotto l’acqua corrente proseguire con la pulizia avvalendosi di una spazzola. Al termine di ciò lasciarlo asciugare e valutarne lo stato per una possibile sostituzione in caso di danneggiamento o usura.

Per gli umidificatori a caldo nel contenitore di acqua e/o essenze, dopo averlo staccato dal corpo, è bene inserire acqua calda con una quantità di aceto di mele pari ad un bicchiere. Si lascia agire per circa 30 minuti e successivamente si risciacqua il tutto andando ad agevolare il processo con uno spazzolino per rimuovere lo sporco più ostinato. In questo modo si potrà eliminare la presenza di muffe e spore che altrimenti non si potrebbero eliminare.

Per quanto riguarda gli apparecchi ad ultrasuoni, o comunque a freddo, non è sufficiente pulire solo la vaschetta ma si dovrà procedere alla pulizia di tutte le componenti per scongiurare il proliferare di microrganismi. In questo caso non si ha il vapore caldo per la sterilizzazione del tutto e quindi si dovrà procedere manualmente.

Generalmente si sconsiglia l’uso di detergenti chimici andando a preferire quelli di origine naturale perché potrebbero lasciare residui che poi verrebbero rilasciati nell’ambiente.

Per una pulizia ancora più profonda è consigliabile riempire il serbatoio con acqua e aceto e farlo funzionare per un’ora. Alla fine, si rimuoverà il contenuto e si asciugherà con un panno. In questo modo si avrà una maggiore sicurezza in termini di igiene.
 

5.Conclusioni


Alla luce di quanto esposto fino a qui si possono effettuare delle valutazioni sulla base delle proprie esigenze e delle proprie disponibilità; si sa che comprando online il tutto risulta molto più comodo e a questo scopo cercando su Amazon umidificatore chicco si trovano subito i prodotti elencati sopra. Per dare un’idea dei prezzi su tale sito si riportano di seguito: per il Humi Essence il prezzo era di 39.10 euro anche se al momento no risulta ancora disponibile, il Humi Relax sta a 29.99 euro e il Humi Fresh sta a 42.90 euro.

Si tenga in considerazione la validità della casa Artsana che da sessant’anni a questa parte, con il marchio Chicco, opera nell’interesse di bambini da 0 a 36 mesi e aiuta il decorso della donna in gravidanza.

 

Uno sconto del 10%

Il tuo primo acquisto

Inserisci la tua email qui sotto per iniziare.

COUPON
Recommended for You
M7 PRO
$ 459.00
T21
$ 129.00
P11
$ 259.00
A8
$ 149.00