Purificatori d’aria: quale scegliere?
We use cookies to improve your online experience. By continuing browsing this website, we assume you agree our use of cookies.
By KDL | 24 October 2020 | 0 Comments

Purificatori d’aria: quale scegliere?

Proscenic Official Store
P11
$ 259.00
850T
$ 259.00
A8
$ 149.00
I7
$ 119.00
808C
$ 99.00
T21
$ 129.00
 

A cosa serve un purificatore d’aria, e come funziona?



 
Come suggerisce anche il nome, un purificatore d’aria ha il compito di purificare l’aria dell’abitazione nella quale viene collocato.

Si è soliti credere che la casa sia uno degli ambienti più puliti nei quali si possa entrare, ma non è così.
Vari studi hanno dimostrato che l’aria di casa può essere in realtà molto più inquinata delle strade cittadine, che raccolgono sì tutti i rifiuti e le emissioni delle automobili, ma che possono vantare un ottimo ricircolo d’aria con una concentrazione di batteri e virus davvero inferiore rispetto ad una casa di medie dimensioni.
Tenere la propria abitazione al sicuro dagli antigeni è davvero difficile, soprattutto se si passa gran parte della giornata fuori casa e non è possibile tenere le finestre aperte per lunghi periodi.

Combattere l’inquinamento domestico è un compito tutt’altro che facile, ma è sufficiente prendere qualche precauzione partendo innanzitutto dai prodotti per la pulizia e prestando particolare attenzione alle zone che raccolgono più polvere.
E ovviamente, è possibile installare un purificatore d’aria domestico, nato proprio per tenere pulita l’aria della propria abitazione.
Acquistando un purificatore d’aria è possibile eliminare oltre il 90% di tutto ciò che infesta la propria casa, limitando anche il fenomeno della “sindrome da edificio malato”, per il quale alcuni individui lamentano fastidi quali asma e respiro affannato quando ci si trova all’interno di un edificio in particolare.
I purificatori d’aria hanno un funzionamento di base molto semplice: essi aspirano l’aria e, grazie al filtro che incorporano, riescono a trattenere le particelle di troppo presenti nell’aria, che possiedono dimensioni maggiori.

Come scegliere un purificatore d’aria?


Scegliere il depuratore d’aria giusto per la propria abitazione consente di tenere un’aria sempre pulita e priva di ogni genere di allergeni. Vediamo quali sono i criteri per la scelta del giusto depuratore.

Potenza

La potenza è determinante in questa tipologia di elettrodomestici poiché consente di ottenere una portata più o meno buona. Un modello con una portata di 20 m2 rende meglio rispetto a uno che ha una portata di soli 10 m2, quindi vale la pena fare un investimento in tal senso.
Non c’è tuttavia bisogno di pretendere sempre una portata massima, perché questa dovrà essere proporzionata alla stanza nella quale pensate di collocare il depuratore d’aria: una stanza che misura 3x2 m non ha bisogno di un apparecchio troppo prestante.

Consumo

Un elettrodomestico più potente consuma una maggiore quantità di energia, soprattutto se lo si fa funzionare per lunghi periodi di tempo.
Quando si acquista un depuratore d’aria bisogna fare attenzione alla classe energetica di appartenenza, che consente di risparmiare qualche soldo in bolletta: le classi energetiche migliori a tal proposito sono B, A e A+.
Inoltre, alcuni modelli consentono anche di regolare la potenza di aspirazione: pertanto, impostarla al minimo consente di risparmiare qualche soldo in bolletta senza dover rinunciare a respirare un’aria più pura.

Tipologia di filtro

In commercio sono presenti essenzialmente tre tipologie di filtro: piatto, pieghettato e HEPA.
I filtri piatti sono costituiti da fibre di vetro, fibre vegetali, fibre sintetiche oppure lana di resina, lana metallica ed altri materiali in grado di attirare le particelle con la propria carica statica.
Tuttavia, tali filtri si sovraccaricano facilmente, ed è per questo che devono essere costantemente monitorati e puliti.
filtri pieghettati offrono una superficie più estesa rispetto a quelli piatti, e possono quindi contenere una maggiore quantità di particelle nocive. Di conseguenza, richiedono minore manutenzione.
filtri HEPA, infine, hanno una superficie assorbente ancora più estesa dei precedenti. Essa è composta da foglietti filtranti di microfibre. Tali filtri sono molto efficaci, garantiscono ottima funzionalità e trattengono particelle anche piccolissime, fino a 0, 3 micron. Sono i più adatti a chi soffre di allergie.

Rumorosità

Si tratta di un fattore che può sembrare secondario, ma non è così. Ancora una volta bisogna tenere in considerazione la stanza nella quale si vuole collocare l’elettrodomestico.
Se lo si vuole posizionare in salotto o nel corridoio si può anche quasi ignorare questo aspetto in quanto si tratta di ambienti nei quali si fa rumore o sono lontani dagli spazi nei quali si trascorre più tempo.
Se invece si vuole depurare l’aria della propria camera da letto o di quella dei propri bambini, specie se piccoli, occorre optare per un modello particolarmente silenzioso, con un livello massimo di rumorosità di 25 decibel.

I migliori 10 purificatori d’aria


Sul mercato sono presenti decine di modelli di purificatori d’aria, ma in questo articolo andremo a presentarvene 10, elencando tutte le loro caratteristiche principali e necessarie per fare una scelta ben ponderata.

Philips AC1215/10 Purificatore d’aria

 
  • Studiato per stanze di 63 m2;
  • Filtro HEPA;
  • Indicatore della qualità dell'aria in 4 colori, dal blu (buon livello di allergeni e particelle) al rosso (scarso livello di allergeni e particelle).
 

Electrolux Oxygen Purificatore d’aria

 
 
 
  • Consigliato per superfici di 32 m2;
  • Presenza di sensore per il monitoraggio della qualità dell’aria;
  • Due filtri: uno Allergy Plus lavabile e uno di carbone attivo.
 

Envion Purificatore d’aria Thera Pure

 
  • Adatto per stanze piccole e medie;
  • Non presenta filtri, quindi è estremamente facile da pulire;
  • Rimuove particelle fino a 0, 1 micron;
  • Possibilità di impostare 3 diverse potenze di aspirazione.
 

Alfawise Purificatore d’aria

 
 
  • Dimensioni molto compatte;
  • Compatibile con gli assistenti vocali Google Home e Alexa;
  • Purifica 100 metri cubi l’ora;
  • Possibilità di impostare tre velocità diverse.
 

Dyson Pure Cool Purificatore d’aria

 
 
  • Filtro HEPA in fibra di vetro che trattiene il 99, 95% dei batteri;
  • Pensato per superfici di circa 30 m2;
  • Adatto ai soggetti allergici e a coloro che soffrono di asma;
  • Programmabile per spegnersi automaticamente impostando intervalli che vanno da 15 minuti a 9 ore.
 

Levoit LV-PUR131 Purificatore d’aria

 
 
  • Studiato per superfici di 55 m2, trattiene oltre il 99% dei batteri;
  • Filtro HEPA;
  • Presenza di indicatore della qualità dell’aria;
  • Possibilità di impostare da una a dodici ore di aspirazione grazie al timer.
 

Proscenic A8 Purificatore d’aria

 
  • Progettato per coprire 33,5 m² (con un’altezza massima di 3 metri) in 30 minuti;
  • Sistema avanzato per il monitoraggio della qualità dell’aria, che viene simboleggiato attraverso tre colori diversi;
  • Rumorosità che si aggira intorno ai 24 decibel;
  • Funziona con gli assistenti vocali di Amazon e Google.
 

Trekoo Purificatore d’aria

 
 
  • Studiato per 166 m2;
  • Generatore di ozono;
  • Se non viene rilevata presenza per oltre 2 ore, il dispositivo si spegne automaticamente;
  • Filtro ai carboni attivi.
 

Molekule Purificatore d’aria

 
 
  • Capace di purificare stanze di grandi dimensioni, fino a 600 m2;
  • Presa d’aria a 360° per una migliore circolazione dell’aria;
  • Filtro PECO-Filter da sostituire ogni 3 mesi;
  • Estremamente silenzioso.
 

Xiaomi Mi Air Purifier Purificatore d’aria

 
 
  • Possibilità di controllare l’elettrodomestico da remoto grazie all’app per smartphone;
  • Compatibile con gli assistenti vocali di Google e Amazon;
  • Display OLED che mostra i principali parametri;
  • Filtro HEPA che depura 400 metri cubi d’aria ogni ora.
 

Dove posizionare il purificatore d’aria


 

I depuratori d’aria sono degli elettrodomestici estremamente versatili, che possono essere usati anche in ufficio; di conseguenza, se preferite utilizzarlo nella vostra casa, potete collocarlo nella stanza che preferite.
Le camere da letto potrebbero rivelarsi le più indicate perché, senza rendersene conto, sono in realtà quelle nelle quali ci trascorre più tempo: basti pensare che in media si dormono otto ore per notte, che equivalgono a ben un quarto della giornata.

Tuttavia, anche il soggiorno potrebbe prestarsi bene a contenere un purificatore perché si tratta della stanza nella quale, solitamente, si accolgono gli ospiti che vengono a farci visita.
Oltretutto, specialmente se il salone è abbastanza piccolo, con qualche persona in più è possibile sperimentare il classico odore dei luoghi troppo affollati, ma è un problema che può essere risolto semplicemente collocando un purificatore d’aria.

Conclusioni


Un purificatore d’aria è un elettrodomestico certamente non indispensabile ma che consente di migliorare sensibilmente la qualità della vita di chi lo utilizza.

L’acquisto è consigliato non solo a chi soffre di asma o allergie, ma anche a chi vive in centro città e, semplicemente aprendo la finestra, rischia di far entrare migliaia di particelle nocive derivanti dall’inquinamento e dallo smog tipici delle grandi città.

Acquistare il miglior depuratore d’aria non è semplice, ma prestando attenzione a potenza, consumi, rumorosità e copertura è possibile scegliere il più adatto alle proprie esigenze.

Inoltre, se si hanno patologie respiratorie che rendono molto sensibili alla presenza di allergeni, occorre scegliere con cura soprattutto la tipologia di filtro: il migliore è senz’altro il filtro HEPA, che può vantare una capacità di filtraggio superiore.
 

Uno sconto del 10%

Il tuo primo acquisto

Inserisci la tua email qui sotto per iniziare.

COUPON
Recommended for You
M7 PRO
$ 459.00
T21
$ 129.00
P11
$ 259.00
A8
$ 149.00